Go to home page This Hotel Menu Tools Menu
Back

Arte e Natura

Punta Ala è una splendida località turistica immersa in una vasta pineta, situata all’estremità del Golfo di Follonica: sorta praticamente dal nulla negli anni ’60 (era una riserva di caccia privata) si poi ulteriormente sviluppata con la creazione del porto turistico, uno più noti ed esclusivi del Mediterraneo.

Tutta la zona è stata gratificata con la Bandiera Blu, che ne certifica la pulizia di acque e coste.

Una delle caratteristiche che rendono Punta Ala una meta così interessante è data dalla possibilità di effettuare comode escursioni in giornata, ideali per alternare la vita di sport o spiaggia con intermezzi naturalistici e culturali.

Infatti a fronte di questi luminosi paesaggi di mare e pinete si trova il rude paesaggio della Maremma Grossetana, che conserva tuttora le caratteristiche selvagge con le sue pianure, i suoi laghi e le sue colline, dove vivono ancora i butteri con i loro cavalli e le loro antiche tradizioni.

Tra le aree naturali più importanti ci sono l’Oasi del Lago di Burano, prima oasi del WWF in Italia, e numerose riserve naturali, concentrate soprattutto tra i comuni di Follonica, Scarlino, Roccastrada e Massa Marittima.

Per chi cerca un diversivo alle meraviglie della natura si aprono importanti aree di interesse storico:
tra Punta Ala e Marina di Grosseto sorge ad esempio Castiglione della Pescaia, antico borgo risalente addirittura a sessantamila anni fa. Castiglione si compone di una parte alta, antica, detta il Castello, e di una parte più moderna con numerose boutiques e negozi con specialità gastronomiche del territorio.

Il borgo medievale è dominato dalla possente rocca risalente ai secoli XVI e XV, in cui visse Alfonso d’Aragona, e che offre uno spettacolare panorama.

A Follonica, principale cittadina mineraria della zona, c’è un interessante Museo del Ferro e della Ghisa, ricavato nei locali delle ex officine meccaniche Ilva (il nome latino dell’Isola d’Elba che si trova proprio di fronte alla cittadina ed antichissima sede di miniere metallifere), con uno spettacolare cancello d’ingresso disegnato dall’architetto Carlo Reishammer.
Vi è inoltre un attrezzatissimo ippodromo di importanza nazionale ove si svolgono gare diurne e notturne di trotto e di galoppo.

Avvicinandosi al confine con la provincia di Livorno, a circa una ventina di chilometri da Follonica, si trova Massa Marittima, una delle più suggestive e interessanti cittadine della Toscana medievale, di cui mantiene intatte tutte le caratteristiche. Massa Marittima si compone di due parti ben distinte, la Città Vecchia, in basso, più antica, e la Città Nuova, in alto, con molti edifici trecenteschi. Il cuore di Massa Marittima è Piazza Garibaldi, su cui si affacciano il Duomo e i principali edifici cittadini.

Il Duomo, di architettura romanico-gotica sorge in posizione elevata rispetto alla piazza, ed è affiancato da un imponente campanile quadrangolare. L’interno del Duomo ospita degli affreschi trecenteschi, una bella vetrata nel rosone e una serie di bassorilievi romanici.

L’appassionato di archeologia si trova praticamente nel cuore dell’Etruria, ricca di resti di antiche città e di attrezzatissimi musei.

Vetulonia fu una delle principali città etrusche, con imponenti cinte murarie e una necropoli etrusca. Tra le varie tombe, le più importanti sono la Tomba del Diavolino e la Tomba della Petrera. Vi è inoltre un museo etrusco di recente apertura.

Situata su di un promontorio nei presi del comune di Piombino sorge poi Populonia, altro importante centro etrusco, di cui restano ben visibili la rocca medievale con il suo torrione quadrangolare e la torre cilindrica.

Ai piedi del promontorio si trova la necropoli etrusca, sepolta sotto i cumuli delle scorie degli antichi forni di fusione che fanno da cornice alla spiaggia di Baratti. Vi si trovano tombe a tumolo, a camera e a edicola, risalenti all’epoca compresa tra il VIII e il II secolo a.C.

A Magliano in Toscana, suggestivo paese medievale, si può ammirare una bellissima cinta muraria risalente al ’400. All’interno delle mura si potranno scoprire la chiesa di San Martino, il palazzo dei Priori e la chiesa di San Giovanni Battista.

Proseguendo si incontrano poi Saturnia e Pitigliano, la prima celebre per l’antica necropoli in travertino e per le celebri Terme, la seconda per l’antica storia, per il Duomo e per i suoi edifici realizzati interamente in tufo. 

  • Facebook

Book your stay

1
2
0
1