Baglioni Hotel Luna

Locali

Venezia è una città relativamente tranquilla, se si escludono i grandi spettacolari eventi come il Carnevale o il Redentore, in cui la città letteralmente impazzisce, anche e soprattutto a causa dell’immenso numero di turisti e forestieri che la affollano in quei giorni.

Ciò che infatti colpisce maggiormente, gironzolando la sera per i labirinti di calli e callette, è spesso proprio il silenzio e la pace che regna, in una calma quasi ovattata.

Ma basterà svoltare un angolo e ritrovarsi in uno dei tanti “campi” che fanno da punto di ritrovo, soprattutto per i numerosi studenti che popolano la città, per entrare nell’atmosfera conviviale e informale di Venezia.

Venezia ha infatti due lati ben distinti, che tuttavia convivono da secoli. C’è la Venezia aristocratica, elegante e compassata, la Venezia del Bon Ton e dei tappeti rossi.

E c’è la Venezia popolare e universitaria, spensierata e divertente, che la sera o nei momenti di relax preferisce ritrovarsi all’aperto, intorno ad una panchina, o meglio ancora nei pressi del bancone di un bàcaro, le caratteristiche osterie veneziane dove ci si beve l’aperitivo in compagnia, magari accompagnandolo con qualche tartina col baccalà mantecato.

Sia che si preferisca un sofisticato Bellini, o che si voglia provare il più popolare Spritz (un aperitivo originariamente costituito semplicemente da acqua e vino bianco, a cui poi si sono aggiunti liquori e bitter come l’Aperol, il Campari o il Select), a Venezia c’è l’imbarazzo della scelta.

Il tutto sempre rigorosamente accompagnato con i classici cichèti (polpette, fritture di pesce, crostini e tartine) o con i tramezzini, dei particolari sandwich che a Venezia sono una vera e propria specialità.

Se preferite calarvi nell’atmosfera della Venezia antica e romantica, non dovrete rinunciare ai caffè storici di Piazza San Marco, come il Quadri o l’intramontabile Harry’s Bar, cullati dalla musica dell’orchestra che spande le sue note da un capo all’altro della piazza.

Altrimenti potrete scegliere le zone più vivaci, come la zona dell’Erbaria a Rialto, le fondamenta degli Ormesini e della Misericordia (Cannaregio) oppure Campo Santa Margherita (Dorsoduro), frequentatissimo dagli studenti della città.

Numerosi sono anche i pub dove poter sorseggiare ottima birra alla spina, e le enoteche e i wine bar dove potere assaggiare gli ottimi vini del territorio accompagnati da prodotti tipici e abbinamenti insoliti.

La maggior parte dei locali veneziani chiudono entro le 2:00 di notte, per cui non si può parlare di una vera e propria movida veneziana, anche se sempre più spesso vengono organizzati eventi musicali dedicati al pubblico più giovane, in spazi dedicati nelle isole della Laguna (come ad esempio l’Isola di san Servolo) o nell’entroterra veneziano.

C’è naturalmente il Casinò di Venezia, situato nello splendido Palazzo Vendramin Calergi, lungo la Strada Nuova, e dotato anche di un sontuoso ingresso sul Canal Grande, dove tentare la fortuna concedendosi un drink nel suo lounge bar.

Rimangono poi alcuni vecchi disco club, che hanno conosciuto i propri fasti negli anni ’90, e ormai demodé e di dubbia frequentazione.

Ci sono infine le esclusivissime feste che si tengono negli antichi palazzi veneziani durante il Carnevale. Se riuscite ad acquistare il prezioso biglietto di ingresso o, meglio ancora, se ricevete un invito personale, sappiate che è d’obbligo indossare un vero costume veneziano, che potrete noleggiare nelle migliori boutiques della città.

Chi viene a Venezia lo fa essenzialmente per viverla, ed è questa esperienza che la città è esattamente in grado di offrire al meglio.

Sia che si preferisca una cena informale in una delle tante trattorie tipiche, o che si scelga il ristorante gourmet, dopo cena ci si potrà rilassare (e divertire) passeggiando per le tranquille calli (Venezia è una città molto sicura), oppure immergersi nella vitalità di un campiello affollato di persone, godere dei numerosi eventi e concerti all’aperto che Venezia propone nel periodo estivo, o ancora fare un romantico giro in laguna in motoscafo.

A Venezia c’è anche una importante tradizione musicale e teatrale, e gli storici teatri La Fenice, Goldoni e Malibran offrono una vasta programmazione durante tutto l’anno.

La Chiesa di Santa Maria della Pietà è soprannominata “La Chiesa di Vivaldi”, in quanto dedica molto spesso dei tributi al maestro veneziano con concerti e cori.

E’ possibile inoltre assistere a concerti di musica classica e da camera anche presso le chiese di San Stefano, San Stae e alla Scuola di San Rocco.

Infine, controllate sempre i calendari della Biennale di Venezia: Arte, Cinema, Danza, Musica e Teatro animeranno la città con eventi di ogni tipo e nei luoghi più disparati.