Baglioni Hotel Luna @it

Arte

Patrimonio dell’Umanità sotto la tutela dell’UNESCO, Venezia resta a buon diritto una tra le città più belle e famose del mondo.

Con i suoi 1500 anni di storia, Venezia conserva praticamente intatto il suo inestimabile patrimonio architettonico, artistico e paesaggistico, anche grazie ad una condizione di relativo isolamento dalla terraferma.

E’ infatti soltanto dal 1932 che Venezia è collegata all’entroterra dal lungo Ponte della Libertà, ed è a partire da questo evento che la città ha iniziato a divenire una meta turistica sempre più importante, fino ad essere la seconda città italiana più visitata ogni anno.

La magnificenza di Venezia ha le sue origini soprattutto in epoca medievale, quando la Repubblica marinara di Venezia, conosciuta come La Serenissima, espanse il suo potere e la sua influenza in tutto il bacino mediterraneo fino a Costantinopoli, l’attuale Istanbul.

Definita La Porta dell’Oriente, per i suoi fiorenti rapporti commerciali con l’Est, Venezia conquistò una ricchezza immensa, che si espresse nel fiorire dell’Arte e dell’Architettura.

E’ sufficiente vedere Piazza San Marco, la sua Basilica e i tesori che ancora contiene per immaginare la potenza di Venezia tra il XII e il XIV secolo.

Resta infatti il cuore della città, luogo che nei secoli ha ospitato spettacoli, cortei, processioni e movimenti politici. Ogni anno migliaia di turisti confluiscono in questa immensa piazza che si staglia tra mare e cielo, attorniata dai principali edifici storici veneziani.

La Basilica di San Marco con i suoi oltre 4000 metri quadri di preziosi mosaici, i marmi, le cupole, gli archi istoriati e i bassorilievi romanici, testimonia con il suo splendore orientaleggiante le ricchezze e i tesori portati dall’Oriente.

Dal 1075, infatti, tutte le navi che tornavano dall’estero avevano l’obbligo di portare dei doni per adornare “la casa di San Marco”. Nella Tesoreria della basilica si trovano ancora alcune delle preziose opere d’arte che qui venivano custodite.

Attorno a Piazza San Marco ci sono poi la Torre dell’Orologio, con le sue figure meccaniche rinascimentali, Palazzo Ducale, vero e proprio trionfo dell’architettura gotica, il palazzo della Zecca, progettato dal Sansovino, il Museo Correr e il suggestivo Ponte dei Sospiri.

Ma questi sono solo i luoghi più noti: oltre la piazza resta una moltitudine di chiese, palazzi, ed edifici storici, come ad esempio l’Accademia, l’imponente chiesa di Santa Maria dei Frari, la grande chiesa barocca di Santa Maria della salute, gli splendidi palazzi Ca’ Rezzonico e Ca’d'Oro.

E ancora il poderoso Arsenale, simbolo della potenza marinara della Serenissima, l’affascinante e misterioso Ghetto Ebraico, o il sestriere (quartiere) di Rialto, con il celebre ponte e l’antico mercato.

E’ incredibile il numero di chiese che si trovano a Venezia, dai capolavori del Palladio come quelle di San Giorgio Maggiore e del Santissimo Redentore, alle più piccole come Santa Maria dei Miracoli. Ognuna racchiude i propri tesori e le proprie particolarità. Anche nella più piccola cappella ci si può imbattere in un inaspettato affresco, un mosaico, un altare capace di togliere il fiato.

Edifici caratteristici di Venezia sono poi le Scuole, nate come confraternite di cittadini che svolgevano attività sociali, come assistenza ai malati o ai poveri. Tra queste ci sono ad esempio la Scuola Grande di San Rocco, oggi sede della maggiore esposizione di opere del Tintoretto, e la Scuola di San Giorgio degli Schiavoni con le sue tele del Carpaccio.

Venezia offre anche una vasta scelta museale, che testimonia le due anime della città, da un lato legata al passato, e dall’altro proiettata verso il futuro.
Le Gallerie dell’Accademia ospitano i maggiori capolavori della pittura veneta dalle origini al Settecento, mentre nel Museo Correr, oltre ad una collezione di opere degli artisti veneti dal Rinascimento all’Ottocento, si trovano i costumi dei Dogi, armi e uniformi d’epoca, mappe e monete.

Ci sono poi il Museo Archeologico di San Marco, che custodisce antiche mummie egizie, statue greche e romane, affreschi, ceramiche e reperti di ogni tipo; la Galleria Franchetti, a Ca’ d’Oro, conserva invece le opere di Mantegna, Bellini, Carpaccio e Tiziano; e ancora la Pinacoteca della Fondazione Querini Stampalia, con la sua collezione di pitture veneziane dal ’400 al ’700.

Accanto a queste esposizioni classiche, Venezia ospita una delle più importanti collezioni al mondo di arte contemporanea, la celebre Collezione Peggy Guggenheim, mentre la Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro presenta una interessante panoramica sull’arte moderna italiana tra Ottocento e Novecento, e alcune opere di artisti internazionali come Klimt, Kandinsky e Chagall.

Meritano sicuramente una visita anche il Museo del Vetro a Murano e il Museo del Merletto a Burano, che oltre ad essere due interessanti tributi alle due tradizioni artigianali veneziane più note al mondo, sono un eccellente pretesto per visitare queste due suggestive isole.

Gli appassionati di arte bizantina, infine, non dovranno rinunciare ad una visita all’isola di Torcello: qui, in un contesto paesaggistico unico al mondo, sorge ancora l’edificio più antico di tutta la Laguna, la cattedrale di Santa Fosca, fondata nel 639 d.C. Al suo interno si possono ammirare numerosi mosaici, considerati tra i più belli di tutta Venezia.